Mi chiamo Selena Brusa, mi occupo di Psicologia Cognitiva ed in questa rubrica ti insegnerò a fare qualcosa di molto importante: Difenderti dalla Tua Mente.

Vedi, per un trader, prendere decisioni corrette è fondamentale
ed ha un effetto diretto sui guadagni.

Molto spesso però la nostra capacità decisionale è inficiata da diversi fattori;
é quindi fondamentale conoscere quali sono questi fattori per poterli contrastare.

Anche se Freud diceva: “La Mente è una fortezza impenetrabile”, durante questi articoli ti porterò in un viaggio in cui proveremo insieme a penetrare questa fortezza.

Ti insegnerò a capire le vere ragioni delle tue decisioni.

Analizzeremo la psicologia del Trading e capiremo come sviluppare un processo decisionale performante che ti consenta di massimizzare le tue chance di successo.

Perché devi imparare a difenderti dalla tua mente?

La psicologia cognitiva ha dimostrato come la mente umana dispone di tempo e risorse in quantità limitate; quindi, gli esseri umani producono i loro “giudizi” e prendono decisioni utilizzando un ristretto numero di regole veloci ed automatiche, le euristiche (o scorciatoie) piuttosto che processi razionali.

Il primo a parlare di questa razionalità limitata fu H. Simon (1955), poi Tversky e Kahneman (1974) hanno introdotto i concetti di euristiche e bias, ed oggi anche R. Thaler ha confermato il nesso tra psicologia ed economia nei processi decisionali (Premio Nobel all’Economia 2017).

Come mai decidiamo in modo irrazionale?

Perché l’essere umano durante la sua evoluzione, per sopravvivere in condizioni di rischio (o minaccia: ad esempio, trovarsi di fronte ad un predatore o trovare un luogo in cui ripararsi) ha assimilato la capacità di prendere decisioni in modo automatico ed intuitivo.

La rapidità di decisione è quindi prioritaria rispetto alla razionalità.

Ad oggi, la nostra sopravvivenza fisica è garantita, ma le euristiche continuano ad influenzare il nostro modo di comportarci e prendere le decisioni.

E nella vita di un trader? O di chi si approccia a questo ambito?

Anche nelle capacità decisionali di un trader.

Perché anche chi opera sul mercato, prende decisioni influenzate dall’aspetto emotivo (ad esempio la paura o al contrario l’esaltazione eccessiva, o il rimpianto o il desiderio)
e dai bias cognitivi.

Per il nostro cervello perdere (o vincere) 5 euro ha lo stesso valore di perdere (o vincere) 5 milioni; ma per te e per me è evidente che non è la stessa cosa!

Nei prossimi articoli analizzeremo i principali Bias Cognitivi che influenzano negativamente il processo decisionale di un trader e capiremo come contrastarli.

Selena Brusa.

Facciamo progressi perché (e soltanto se) siamo disposti a imparare dai nostri sbagli, ossia a riconoscere i nostri errori e, invece d’insistere in essi dogmaticamente, a utilizzarli con giudizio critico. Il punto fondamentale è riconoscere gli errori e correggerli al più presto possibile, prima che facciano troppo danno. Di conseguenza, l’unico peccato imperdonabile è nascondere un errore (K.E. Popper)


Selena Brusa
Selena Brusa

Sono una Psicologa e Psicoterapeuta Cognitiva Costruttivista. La mia passione è accompagnare le persone a riconoscere quei pensieri ed emozioni che li portano a realizzare i propri obiettivi e desideri. Le mie principali aree di studio riguardano l’interazione tra i processi cognitivi ed emotivi, l’intelligenza artificiale e la realtà virtuale. Da circa un decennio lavoro in campo terapeutico, nell’ambito del disagio post-traumatico da stress.

Leave a Reply

Your email address will not be published.